Bando di gara Raccolta Differenziata 2017

PROCEDURA APERTA PER L’AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RACCOLTA, TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI, SERVIZI DI NETTEZZA URBANA, SPAZZAMENTO ED ALTRI SERVIZI CONNESSI E CORRELATI A QUELLI PRECEDENTI  CIG: 6882262E41

E’ pubblicato dalla data odierna presso l’Albo Pretorio on Line di questo Comune, al numero 04/2017 del 04.01.2017 il Bando per l’Affidamento dei Servizi di Raccolta, Trasporto, Conferimento etc dei Rifiuti Solidi Urbani

Scadenza delle offerte 08 marzo 2017   vai ai documenti all’Albo Pretorio 

 Scarica modelli


Quesiti e relative risposte in merito alla gara

14/01/2017
Proponente: Gestione Servizi Ambientali – Soc. Coop. Via Angelo Morettini, 16
006128 PERUGIA

per leggere tutto clicca su Continue reading

 

Oggetto: Affidamento del servizio di raccolta “Porta a Porta”, trasporto, conferimento, e smaltimento dei rifiuti urbani ed assimilati, spazzamento stradale e servizi complementari con esclusione delle spese di discarica. CIG 6882262E41-

Risposta quesiti formulati con nota del 09/01/2017, prot. n. 18/FG/17.

In riferimento a quanto in oggetto indicato si comunica e chiarisce quanto segue:
Quesito n. 1:
• Trova applicazione l’art. 6 del C.C.N.L.? qualora sia applicato si chiede di specificare nominativo del personale, con quale mansioni, grado di anzianità, livello, CCNL applicato ed ecc…
Risposta:
• Si trova applicazione l’art. 6 del C.C.N.L. – vedi art. 38 capitolato e All. 6 – grado di anzianità anni 5 per tutto il personale interessato.
Quesito n. 2:
• La proprietà dei rifiuti differenziati (carta, plastica, ferro, vetro, cartone) rimane a carico dell’operatore economico? In caso contrario dove vengono conferiti?
Risposta:
• No la proprietà dei rifiuti differenziati (carta, plastica, ferro, vetro, cartone) rimane di proprietà del Comune Il relativo conferimento avverrà ai siti CONAI e/o ai siti di stoccaggio e/o agli impianti di trattamento e/o recupero e/o riciclaggio e/o smaltimento che, di volta in volta, saranno indicati dal Comune- vedi Art. 19 C.S.A.-.
Quesito 3:
• I rifiuti solidi urbani dove vengono conferiti?
Risposta:
• I rifiuti solidi urbani vengono conferiti al Centro di trasferenza sito a 03010 Piglio (Fr), località Casa Zompa.
Quesito 4:
• Alla data attuale con quanti mezzi e tipologia viene svolto il servizio?
Risposta:
• Non è rilevante. Occorre considerare la seguente previsione progettuale:

Autocompressore da mc. 16 a caric. posteriore 1,00
Aut. daily mc 7 c sponda 1,00
Porter a vasca 2 mc1,00

Quesito 5:
• Si chiede computo metrico che ha generato l’importo a base d’asta.
Risposta:
• Si rimette riepilogo generale costi
A
PERSONALE €. 113.158,51
AUTOMEZZI €. 22.712,39
ATTREZZATURE €. 13.336,26
SUBTOTALE A €. 149.207,16
B
INFORMAZIONE – COSTI STARTUP€. 2.322,95
C
SPESE GENERALI €. 12.122,41
TOTALE GENERALE €. 163.652,52

Quesito 6:
• Il bando richiede ai fini della partecipazione alla procedura di cui all’oggetto l’iscrizione all’albo gestori ambientali
Premesso
Omissis………
E’ possibile la partecipazione alla procedura di gara di cui all’oggetto dichiarando di impegnarsi di essere iscritto all’Albo gestori Ambientali Visto al momento della sottoscrizione del contratto o dell’avvio del servizio visto che detta iscrizione è requisito di esecuzione
Risposta:
• Si è possibile partecipare alla procedura di gara dichiarando di impegnarsi a dimostrare di possedere il requisito in esame al momento della sottoscrizione del contratto.
Quesito 7:
• Il bando richiede ai fine della partecipazione alla procedura di cui in oggetto la presentazione di due e referenze bancarie
Premesso
-Che gli istituti di credito non sono obbligati a rilasciare le referenze bancarie visto la mancanza di una normativa legislativa … omissis
-Che visto la crisi economica non tutti gli operatori hanno due istituti di credito con cui … omissis
– che l’art. 86 del D.Lgs 50/2016 è relativo a mezzi di prova di dimostrazione dei requisiti, attraverso vari modi
– che nell’allegato XVII parte I sancisce lett. a non risulta esservi iscritto l’obbligatorietà di due referenze bancarie ma cita dichiarazioni bancarie la cui interpretazione è soggettiva
a-E’ possibile partecipare alla procedura di gara di cui in oggetto dichiarando di rapporti con un unico istituto bancario e pertanto presentare una sola referenza bancarie
b-E’ possibile partecipare alla gara di cui in oggetto sostituendo le referenze bancarie attraverso all’avvalimento dei bilanci ed il fatturato globale di un altro soggetto economico
c-un neo operatore economico che ha meno di tre anni di attività come si deve comportare in merito ai fini della partecipazione alle procedure di gara
Risposta:
a-;b- E’ possibile partecipare alla procedura di gara di cui in oggetto anche tramite la presentazione di una referenza bancaria e di una dichiarazione bancaria;
c- nel rispetto di quanto stabilito al punto precedente in quanto le referenze con cui un istituto di credito dichiari che il proprio cliente possiede capacità economiche finanziare per fronteggiare agli impegni derivanti dalla partecipazione ad una procedura ad evidenza pubblica, tutela maggiormente l’interesse pubblico alla corretta esecuzione dell’appalto di quanto non lo faccia la referenza con cui si attesta che l’operatore economico “intrattiene rapporti affidati” con l’istituto stesso. Si ritiene, inoltre, che ciò non sia lesivo dei principi posti a tutela della libera concorrenza e del mercato e che tale prescrizione rispetti i principi di proporzionalità e ragionevolezza, in modo tale da non restringere oltre lo stretto indispensabile la platea dei potenziali concorrenti e da non precostituire situazioni di assoluto privilegio.

IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
f.to ARCH. GIUSEPPE GRAZIANI


Risposta quesiti formulati con nota del 20/01/2017, prot. n. 305/17.

Proponente: Ecologia e Servizi Italia S.r.l. Via Dante Alighieri SCAFATI (SA)

In riferimento a quanto in oggetto indicato si comunica e chiarisce quanto segue:

Quesito n. 1:

Cosa si intende per operatore ecologico 2A part-time da assumere?

Risposta:

  • Si intende un lavoratore part-time a 18 ore settimanali, addetto alle attività di spazzamento, raccolta, accessorie e complementari, utilizzando strumenti e macchinari a motore nonché veicoli per la guida dei quali è richiesto il possesso della patente di categoria “A” -.

Quesito n. 2:

E’ una unità che l’azienda sceglie liberamente o ci sono condizioni da rispettare?

Risposta:

  • L’azienda sceglie liberamente l’unità lavorativa nel rispetto della normativa vigente in materia.

Quesito 3:

Quante sono le ore lavorative giornaliere di ciascuna unità di personale?

Risposta:

  • Le ore lavorative giornaliere del personale soggetto a passaggio è pari a sei e per l’addetto part-time è pari a tre.

21/01/2017 

IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

 f.to ARCH. GIUSEPPE GRAZIANI


Risposta quesiti formulati con nota del 20/01/2017, prot. n. 305.

Proponente: Ecologia e Servizi Italia S.r.l. Via Dante Alighieri  SCAFATI (SA)

In riferimento a quanto in oggetto indicato si comunica e chiarisce quanto segue:

Quesito n. 1:

………. Le caratteristiche tecniche delle attrezzature descritte nella parte II – SCHEDE TECNICHE e nell’allegato 5 non risultano essere chiare. Nella parte II ad esempio………………………-.

Risposta:

  • Si chiarisce che al momento le utenze domestiche hanno in dotazione una biopattumeria in polietilene da 10 l e le utenze non domestiche hanno in dotazione una biopattumiera in polietilene da 10 l e un contenitore di capacità idonea in base alla categoria commerciale, pertanto è lasciata libera scelta agli operatori economici che sono interessati a partecipare alla gara in esame la valutazione di rivedere tale assetto.

25/01/2017

IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

      f.to ARCH. GIUSEPPE GRAZIANI


04/02/2017           

Risposta quesiti formulati con nota pec del 03/02/2017, acquisita con il prot. n. 568 del 04/02/2017.

Proponente: Coop. Soc. 29 Giugno Via Pomona n. 63 00158 ROMA

In riferimento a quanto in oggetto indicato si comunica e chiarisce quanto segue:

Quesito n. 1:

In merito a quanto previsto nell’art. 5 del Capitolato speciale d’appalto, relativamente alle eventuali operazioni di bonifica di manufatti in amianto in aree pubbliche o ad uso pubblico del territorio comunale, si chiede quale classe è richiesta in merito all’iscrizione nella categoria 10 dell’Albo Nazionale Gestori Ambientali, se tale requisito è subappaltabile ed in caso di sub-affidamento se è necessaria l’indicazione della terna di sub-affidatari;

Risposta:

  • La classe è la classe E e tale requisito è subappaltabile-.

Quesito n. 2:

Al fine di soddisfare il requisito previsto dall’art. 8.2.2 lett. c) del Disciplinare di gara rubricato “Requisiti di Capacità tecnica e professionale” , che di seguito riporta “…Aver eseguito un contratto per settore analogo a quello oggetto della gara nei tre anni precedenti la data di pubblicazione del Bando relativo ad un bacino d’utenza avente un numero di abitanti pari o superiore a quello oggetto di gara…”, si chiede cortesemente quale è il numero di abitanti atto a soddisfare tale requisito;

Risposta:

  • aver eseguito un contratto per settore analogo a quello oggetto della gara nei tre anni precedenti la data di pubblicazione del Bando relativo ad un bacino d’utenza di almeno 5.000,00 (cinquemila) abitanti. In caso di A.T.I., il predetto requisito minimo dovrà, comunque, essere posseduto dalla capogruppo……. Per bacino di utenza si intende anche un’ insieme di comuni che raggiunge un’utenza complessiva di almeno 5.000 abitanti.

Quesito 3:

deposito cauzionale provvisorio e le referenze bancarie devono essere intestate all’Ente appaltante C.U.C. Unione dei Comuni degli Ernici, Comuni di Guarcino, Fumone Torre Cajetani, Trivigliano e Vico nel Lazio oppure all’Amministrazione Committente Comune di Vico nel Lazio?

 

Risposta:

  • Il deposito cauzionale provvisorio e le referenze bancarie devono essere intestate al Comune di Vico nel Lazio in quanto è di “soggetto” che sottoscrive il relativo contratto di servizio.

IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

      f.to ARCH. GIUSEPPE GRAZIANI

08/02/2017                                                                                                                                     

Proponente: Coop. Soc. 29 Giugno Via Pomona n. 63 00158 ROMA

Risposta quesiti formulati con nota pec del 07/02/2017, acquisita con il prot. n. 651 del 07/02/2017 – pec del 06/02/2017 acquisita con il prot. n. 628 del 07/02/2017 – pec del 08/02/2017 acquisita con il prot. n.677 del 08/02/2017.

In riferimento a quanto in oggetto indicato si comunica e chiarisce quanto segue:

SOCIETA’ COOPERATIVA 29 GIUGNO COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

Quesito n. 1:

È prevista la presentazione del DGUE?

Risposta:

  • Si, anche in forma cartacea.

 

Quesito n. 2:

In merito ai requisiti di Capacità economica e finanziaria,  qual è il fatturato globale richiesto?

Risposta:

  • Vedi Punto 8.2.2. lett. b, comma 3 del disciplinare di gara.

Quesito 3:

In merito ai requisiti di Capacità economica e finanziaria,  qual è il fatturato riferito ai servizi di igiene urbana richiesto?

Risposta:

  • Il doppio del quinto dell’importo posto a base di gara (doppio importo annuo servizio).

Quesito 4:

In merito ai requisiti di capacità tecnica e professionale, è necessario presentare l’attestazione di servizio afferente l’elenco dei principali servizi prestati nei tre anni precedenti la data di pubblicazione del bando di gara oppure è sufficiente presentare una Dichiarazione in conformità alle disposizioni del DPR 445/2000?

Risposta:

Vedi Punto 8.2.2. lett. c, comma 1 del disciplinare di gara.

Quesito 5:

Il Modello A3 deve essere presentato anche dai membri del Collegio sindacale e dell’Organismo di Vigilanza?

Risposta: Si

 

Quesito 6:

L’importo a base di gara è di € 818.262,60 oltre IVA e gli oneri della sicurezza derivanti da rischi di interferenza non soggetti a ribasso sono pari ad € 0,00?

Risposta: Si

Quesito 7:

è sufficiente il possesso della certificazione UNI EN ISO 14001:2004 o si deve essere in possesso anche della certificazione EMAS?

Risposta:

  • E’ sufficiente il possesso della certificazione UNI EN 14001:2004.

IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

 f.to ARCH. GIUSEPPE GRAZIANI


Risposta quesiti formulati con nota pec del 10/02/2017, acquisita con il prot. n. 726 del 11/02/2017.                                                                                                                                               

Proponente: Coop. Soc. 29 Giugno Via Pomona n. 63 00158 ROMA

Quesito n. 1:

E’ obbligatorio il DGUE e nel caso sia obbligatorio quale altra forma oltre a quella cartacea è richiesta?

Risposta:

  • Non è prevista l’obbligatorietà – Oltre alla forma cartacea è consentita la formulazione in via telematica.

IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

f.to ARCH. GIUSEPPE GRAZIANI


15/02/2017                                                                                                                                     

Proponente: Coop. Soc. 29 Giugno Via Pomona n. 63 00158 ROMA

Risposta quesiti formulati con nota pec del 13/02/2017, acquisita con il prot. n. 779 del 14/02/2017.

In riferimento a quanto in oggetto indicato si comunica e chiarisce quanto segue:

SOCIETA’ COOPERATIVA 29 GIUGNO COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

Quesito n. 1:

è sufficiente che le Dichiarazioni Modelli A2, A4, A5 e A6 vengano redatte soltanto dal legale rappresentante?

Risposta:

La dichiarazione dovrà essere effettuata da ogni soggetto che rivesta il ruolo di:

  1. a) titolare e direttore/i tecnico/i per le imprese individuali;
  2. b) tutti i soci e il direttore/i tecnico/i per le società in nome collettivo;
  3. c) tutti gli accomandatari e il/i direttore/i tecnico/i per le società in accomandita semplice;
  4. d) tutti gli amministratori muniti di poteri di rappresentanza e il direttore/i tecnico/i per gli altri tipi di società o consorzi.
  5. e) Il socio di maggioranza in caso di società con meno di quattro soci, se si tratta di altro tipo di società

Allegare, a pena di esclusione, copia fotostatica (fronte/retro) di idoneo documento di identificazione, in corso di validità di ciascuno dei soggetti dichiaranti. In caso contrario, le firme dovranno essere autenticate ai sensi della L 445/2000 (a pena l’esclusione dalla gara).

IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

 f.to ARCH. GIUSEPPE GRAZIANI


Proponente: Coop. Soc. 29 Giugno Via Pomona n. 63 00158 ROMA

Risposta quesiti formulati con nota pec del 16/02/2017, acquisita con il prot. n. 820 del 16/02/2017.

In riferimento a quanto in oggetto indicato si comunica e chiarisce quanto segue:

SOCIETA’ COOPERATIVA 29 GIUGNO COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

Quesito n. 1:

TESTO:

Con riferimento alla risposta pervenuta al quesito sottostante che si riporta di seguito, si rappresenta che le cause di esclusione di cui all’art. 80 comma 1 del Dlg. 50/2016 (richiamate nel Vs modello A3)  vanno disposte se la sentenza o il decreto sono stati emessi nei confronti di:titolare o del direttore tecnico, se si tratta di impresa individuale; di un socio o del direttore tecnico, se si tratta di società in nome collettivo; dei soci accomandatari o del direttore tecnico, se si tratta di società in accomandita semplice; dei membri del consiglio di amministrazione cui sia stata conferita la legale rappresentanza, di direzione o di vigilanza o dei soggetti muniti di poteri di rappresentanza, di direzione o di controllo, del direttore tecnico o del socio unico persona fisica, ovvero del socio di maggioranza in caso di società con meno di quattro soci, se si tratta di altro tipo di società o consorzio. In ogni caso l’esclusione e il divieto operano anche nei confronti dei soggetti cessati dalla carica nell’anno antecedente la data di pubblicazione del bando di gara.Si  ritiene, pertanto , che sia sufficiente che i soggetti su richiamati rendano ESLCUSIVAMENTE le dichiarazioni ricomprese nell’A3 AD ECCEZIONE, del LEGALE RAPPRESENTANTE che renderà tutte le dichiarazioni comprese nei modelli A2, A4, A5 ed A6.Si richiede cortesemente di confermare tale tesi.

Risposta:

Si  conferma che il dettato richiamato nella precedente risposta prevede che i soggetti richiamati nel testo del quesito in esame  rendano ESLCUSIVAMENTE le dichiarazioni ricomprese nel mod. A3 AD ECCEZIONE, del LEGALE RAPPRESENTANTE che renderà tutte le dichiarazioni comprese nei modelli A2, A4, A5 ed A6.

Allegare, a pena di esclusione, copia fotostatica (fronte/retro) di idoneo documento di identificazione, in corso di validità di ciascuno dei soggetti dichiaranti. In caso contrario, le firme dovranno essere autenticate ai sensi della L 445/2000 (a pena l’esclusione dalla gara).

18/02/2017         IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

 f.to ARCH. GIUSEPPE GRAZIANI


                                                                                                                                    

Proponente: Gestione Servizi Ambientali – Soc. Coop. Via Angelo Morettini, 16 006128 PERUGIA

Risposta quesiti formulati con nota del 23/02/2017, prot. n. 134/FG/17.

In riferimento a quanto in oggetto indicato si comunica e chiarisce quanto segue:

Quesito n. 1:

  • Come si deve comportare un operatore economico visto che il bando risulta essere gravato da un vizio in materia di sicurezza, che porterebbe ad un annullamento dell’aggiudicazione in fase di ricorso

Risposta:

  • L’importo degli oneri della sicurezza è indicato pari a zero, pertanto nel QTE anche se pari a zero è comunque riportato. In fase di presentazione di offerta l’impresa partecipante deve riportare gli oneri della sicurezza “interni”, rappresentati dai costi specifici relativi all’attività dell’impresa concorrente.

 

Quesito n. 2:

  • A quanto ammonta il costo del personale non ascritto negli elaborati in gara in quanto esso non è soggetto a ribasso d’asta

Risposta:

Anche se non è stato richiamato il dispositivo che prevede l’esclusione del costo del personale dal ribasso d’asta si chiarisce che il D. L.gs. n. 50/2016 non riporta la disposizione introdotta dall’articolo 32, comma 7-bis, del d.l. 69/2013, convertito in legge 98/2013.

25/02/2017  

IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

f.to ARCH. GIUSEPPE GRAZIANI


Proponente: General Enterprise Via Cerri, 4 84039 TEGGIANO (DA)

Risposta quesiti formulati con nota mail tradizionale del 24/02/2017.

Quesito n. 1:

  • Nell’allegato 5, nella prima parte “attrezzature per utenze domestiche” si elencano mastelli dedicati per ogni frazione di rifiuto (Carta,Vetro,Plastica ecc) e anche nel Capitolato Speciale d’Appalto nelle schede dei servizi si parla di mastello dedicato con trasponder per ogni frazione, quindi da ciò si deduce che nell’offerta tecnica devono essere previsti tali mastelli dedicati uno per ogni frazione in numero almeno pari alle utenze domestiche n.911×5 (Vetro,Carta,Multim,Organico,Indifferenziato)? Inoltre nella seconda parte dell’allegato “attrezzature per utenze non domestiche” non è chiara la tabella delle forniture (fig.1), per esempio alla prima riga “Organico” si prevedono cassonetti da 120 e 240 lt per 14 utenze non commerciali, ma non viene indicata la percentuale di ripartizione, stessa cosa per la riga successiva “Carta” vengono indicati mastelli da 40 lt, cassonetti da 240 e 120 lt per un totale di 55 unità, ed anche in questo caso non viene data una percentuale di ripartizione, ugualmente detta percentuale non viene mai indicata alle righe successive.

Risposta:

Vedi tabella seguente

Quesito n. 2:

  • Si chiedeva se è previsto o è messo a disposizione dell’Appaltatore un Centro di Raccolta Comunale autorizzato, da utilizzare per l’accumulo provvisorio dei rifiuti nelle casse scarrabili almeno delle frazioni di Carta, Vetro e Multimateriale. Si è posta questa domanda anche per procedere alla giusta impostazione del progetto nell’Offerta Tecnica.

Risposta:

  • No, non è previsto o è messo a disposizione dell’Appaltatore un Centro di Raccolta Comunale autorizzato, da utilizzare per l’accumulo provvisorio dei rifiuti nelle casse scarrabili almeno delle frazioni di Carta, Vetro e Multimateriale.

 

Quesito 3:

  • Per quanto riguarda il personale, si è previsto (come indicato nelle FAQ e nell’allegato 6), un 3A a tempo pieno (circa 36hx52sett=1872ore/anno), un 2A a tempo pieno (circa ? 36hx52sett=1872ore/anno), e un 2A part-time 936 ore/annue (queste ultime ore dichiarate in una vostra risposta nelle FAQ), quindi abbiamo un monte ore totali di circa 4680 ore/annue, che confrontate con le ore degli automezzi previsti risultano in grado di coprire le ore dei tre automezzi previsti nell’allegato 5. Mentre non si riesce a coprire il totale delle ore rimanenti dei restanti automezzi previsti tipo, Autocarro Daily con vasca da mc. 5-7, motocarro 3 ruote 3 q.li, spazzatrice compatta 4 mc, automezzo per movimentazione container, lava cassonetti c. barra lavastrade.

 

Risposta:

  • Non è rilevante. Occorre considerare la seguente previsione progettuale:
Autocompressore da mc. 16 a caric. posteriore            1,00
Aut. daily mc 7 c sponda            1,00
Porter a vasca 2 mc            1,00

25/02/2017

IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

    f.to ARCH. GIUSEPPE GRAZIANI


                                                                                                                                     

Proponente: Gestione Servizi Ambientali – Soc. Coop.

Via Angelo Morettini, 16 06128 PERUGIA

to Ente al n. 1082 del 02/03/2017.

In riferimento a quanto in oggetto indicato si comunica e chiarisce quanto segue:

Quesito n. 1:

Visto che il bando di gara e il disciplinare sono stati modificati nella parte attinente all’iscrizione all’ Albo dei gestori ambientali come asserito dalle VS FAQ in risposta a quesiti come pubblicati sul sito web dell’Ente- vista la sentenza del Consiglio di Stato decisione numero 4916 del 23 novembre 2016 ha evidenziato le modifiche del bando di gara disposte con meri avvisi pubblicati sul proprio sito web e/o comunicazioni, in quanto la modifica non può essere legittimante ed avere valore di modifica rispetto a quanto previsto dal bando di gara vigendo un divieto di modificare o integrare la lex specialis se non attraverso atti che abbiano goduto delle identiche garanzie di pubblicazione dovute dal bando di gara. Visto l’art. 79 comma 4 del D. gs. 50/2016, Visto ascritto in premessa si chiede se possibile la concessione di una proroga con relativa riapertura dei termini per la presentazione dell’offerta considerato che il bando di gara ed il disciplinare sono stati modificati al fine di permettere la partecipazione agli operatori economici sprovvisti di iscrizione all’albo dei gestori ambientali.

Risposta:

No.

Quesito n. 2

 Visto quanto sancito dall’art. 83, co. 8 del D. Lgs. n. 50/2016 che cita testualmente i bandi e le lettere di invito non possono contenere ulteriori prescrizioni a pena di esclusione rispetto a quelle previste dal presente codice e da altre disposizioni di legge vigenti. Dette prescrizioni sono comunque nulle. Visto quanto ascritto in premessa si chiede:

  1. a) è possibile la partecipazione alla procedura di gara di cui all’oggetto sostituendo le referenze bancarie secondo quando previsto dall’art. 83 del D. Lgs. 50/2016;
  2. b) è possibile la partecipazione alla procedura di gara attraverso l’avvalimento dei bilanci ed il fatturato globale di un altro soggetto economico sostituendo le referenze bancarie;
  3. c) è possibile sostituire le referenze bancarie con una polizza r.c.t. come previsto dall’art. 83, co. 4, lett. c del D. Lgs. n. 50/20016;
  4. d) un operatore economico che non intrattiene rapporti di affidamento con le banche e/o utilizza carte ricaricabili ai soli fini di tracciabilità finanziare in ottemperanza alle norme legislative vigenti come si deve comportare ai fini della partecipazione alla procedura in oggetto;

Risposta

  1. a) vedi n.ra FAQ del 14/01/2017;
  2. b) vedi 8.2.2, lett. B, co. 2 e seguenti del disciplinare di gara;
  3. c) vedi 8.2.2, lett. B, co. 1 e n.ra FAQ del 14/01/2017;
  4. d) vale quando detto alla precedente lett. c).

Quesito n. 3

Premesso che lex specialis deve intendersi automaticamente integrata dalle disposizioni di legge vigenti che l’art. 32, co. 7 bis del D.L. 69/2013, convertito in L. 98/2013, non è stato abrogato ed è tutt’ora vigente- visto il D. L.gs. n. 81/2008 T.U. salute e sicurezza sul lavoro testo coordinato con il D. Lgs 3/8/2009 n. 106 che ascrive che gli oneri di sicurezza devono essere indicati da parte del committente. Visto l’art. 105 co. 14 del D. Lgs. n. 50/2016 in materia di oneri per la sicurezza, visto la v.ra FAQ pubblicata sul sito WEB a margine della nostra nota del 23/02/2017, prot. n. 134/FG/17, visto quanto ascritto in premessa si chiede secondo quale norma non vi sono i costi della sicurezza e che essi possono essere a zero in quanto risulta illogico rispetto alle norme vigenti in materia di sicurezza.

Risposta

Gli oneri sono stati stimati uguali a zero.

04/03/2017

IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

  f.to ARCH. GIUSEPPE GRAZIANI

 

This entry was posted in Atti, Notizie and tagged . Bookmark the permalink.