GARA – Procedura Aperta lavori Scuola Media

Procedura aperta per i lavori di: Ristrutturazione e messa in sicurezza scuola media comunale CIG 70677278D2 CUP: I84H17000200002

scadenza offerte 29.05.2017  ore 12:00

 vai alla documentazione di gara

Quesiti pervenuti all’Ente in merito alla gara: (clicca su continue reading)


Proponente: CRF APPALTI E COSTRUZIONI

Risposta a quesito formulato con nota prot.n. 2524 del 16/05/2017.

Quesito:

Per partecipare alla gara in oggetto, avendo la nostra società solo la categoria OG 1 cat. II, la categoria OG 11 Impianti tecnologici per € 57.629,57 può essere subappaltata o ci si può avvalere di impresa ausiliaria, oppure valgono entrambe le possibilità? La categoria OG 11 è equivalente alla OS 30 cat. II posseduta da impresa a cui subappaltare o impresa ausiliaria?

Risposta:

E’ possibile subappaltare nella misura non superiore al 30% la categoria OG 11, qualora l’impresa non sia in possesso della certificazione OG 11 non può subappaltarla. Si può partecipare come ATI e non è possibile l’avvalimento in quanto l’importo della lavorazione OG 11 è superiore al 10% dell’importo totale dei lavori.


Proponente: EURO IMPREDIL

Risposta a quesito formulato con nota prot.n. 2552 del 17/05/2017.

Quesito:

Avendo come requisito di qualificazione SOA solamente la categoria OG1 in IV e non la OG 11 è possibile partecipare alla gara con numero di CIG in oggetto?

Risposta:

Il C.I.G. identifica la gara, non riguarda le certificazioni possedute dall’impresa.


Proponente: LANZI COSTRUZIONI

Risposta a quesito formulato con nota prot.n. 2560 del 17/05/2017.

Quesito:

Con il presente quesito si chiede di meglio specificare quanto previsto nell’art. 11 del Disciplinare di gara Contenuto della Busta “B- Offerta Tecnica” nel punto in cui si dice che:

“Offerta migliorativa riferita ai criteri A,B,C, di cui al paragrafo 8 del presente disciplinare, dovrà contenere : Relazioni tecniche ( Max 20 fogli formato A4), elaborati grafici Max 5 fogli formato A3. La suddetta documentazione tecnica, dovrà essere presentata, e suddivisa, con riferimento ad ogni criterio di valutazione ( A,B,C).

Si chiede se è possibile fare n. 3 relazioni ( una per ogni criterio A,B,C) ognuna delle quali non deve superare i 20 fogli formato A4, oppure si deve fare un’unica relazione per un totale di Max 20 fogli A4 suddivisa per i tre criteri A,B,C.

Analogamente per gli elaborati grafici, si chiede se è possibile fare max 5 fogli formato A3 per ognuno dei criteri ( quindi MAx 15 fogli formato A3 in totale) oppure in totale gli elaborati grafici in formato A3 sono 5 per tutti e tre i criteri.

Risposta:

La relazione non deve superare i 20 fogli formato A4 per ogni criterio, gli elaborati grafici non devono superare i 5 fogli formato A3 per ogni criterio.


Proponente: ARDOVINI RENZO

Risposta a quesito formulato con nota prot.n. 2575 del 16/05/2017.

Quesito:

In merito alla procedura aperta per lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza scuola media comunale, si pone il seguente quesito: la NS impresa possiede attestazione SOA in OG 1 CL. III, per poter partecipare alla procedura, come può procedere per poter garantire l’idoneità ad eseguire i lavori di cat. OG 11, se gli stessi sono subappaltabili nella misura massima del 30% del loro importo? Se si costituisce un ATI con ditta qualificata, è sufficiente per partecipare alla procedura?

Risposta:

Si.


Proponente: TECNO IMPIANTISTICA EDILIZIA

Oggetto: procedura aperta per i lavori di;: Ristrutturazione e messa in sicurezza scuola media comunale. CIG 70677278D2 CUP: I84H17000200002. Risposta a quesito formulato con nota prot.n. 2576 del 17/05/2017.

Quesito:

Noi abbiamo un iscrizione SOA OG IV bis e SOA OS 28 Cl. I, possiamo partecipare singolarmente, indicando di eventualmente subappaltare la parte di opere OG 11?

Risposta:

No. E’ possibile subappaltare il 30 % della lavorazione OG 11 a chi è in possesso della certificazione, chi non lo è può solamente costituire un ATI ( ai sensi dell’art. 89 l’avvalimento non è consentito in quanto trattasi di categoria speciale e l’importo della categoria OG 11 è superiore al 10% del totale dei lavori)


Proponente: TECNO IMPIANTISTICA EDILIZIA

Risposta a quesito formulato con nota prot.n. 2685 del 24/05/2017.

Quesito:

Per quanto concerne la dichiarazione di offerta temporale, viene riportato sul disciplinare un tempo di esecuzione dell’appalto in giorni 300 con una riduzione massima consentita di 30 giorni, -se un’azienda ha valutato e ritiene di poter eseguire i lavori con una riduzione di almeno 90 giorni per quale motivo non viene conteggiato un punteggio?

Risposta:

L’art. 12 punto 1 lettera c del disciplinare di gara prevede una riduzione massima per l’esecuzione dei lavori pari a 30 giorni sul cronoprogramma, tempi inferiori offerti rispetto al limite minimo stabilito, non costituiscono causa di esclusione e verranno valutati con il punteggio pari a zero.  Il limite minimo stabilito per l’esecuzione dei lavori è stato fissato per evitare di ricevere offerte “anomale” in termini di esecuzione temporale degli interventi, anche in considerazione del fatto che un’eccessiva riduzione dei tempi di realizzazione potrebbe pregiudicare la corretta esecuzione durante le singole fasi di esecuzione, la qualità degli interventi, il sovrapporsi delle distinte fasi di lavorazione pregiudicando la tutela della sicurezza dei lavoratori sui luoghi di lavoro


Proponente: ARDOVINI RENZO

Risposta a quesito formulato con nota prot.n. 2706 del 24/05/2017.

 

Quesito:

In merito alla procedura aperta per lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza scuola media comunale, si pone il seguente quesito: La nostra Azienda possiede attestazione SOA in OG 1 cl. III, può partecipare in R.T.I. da costituire con impresa che possiede attestazione OG 11, indicando in sede di partecipazione che i lavori saranno eseguiti interamente dalla nostra impresa per la categoria OG 1 e interamente dalla impresa riunita per la categoria OG 11?

Risposta:

Nei raggruppamenti temporanei d’impresa (RTI) di tipo orizzontale o misto, le imprese riunite sono libere di definire l’entità delle rispettive quote di partecipazione al raggruppamento, purché siano rispettati i requisiti minimi di qualificazione previsti dalla legge.

Negli appalti di lavori, le quote di partecipazione indicate in sede di offerta hanno come unico limite il rispetto dei requisiti di qualificazione prescritti per il raggruppamento di tipo orizzontale.

Nel caso dei lavori, i requisiti minimi di qualificazione sono predeterminati per legge e ammontano, per la mandataria, al 40% e, per le mandanti, al 10% (art. 92, c.2 D.P.R. 207/2010) dei requisiti economici e tecnici posti a base di gara.

Vedi anche il Consiglio di Stato con la sentenza n. 374 del 27 gennaio 2015, affermando che:

“In un’ ATI orizzontale, o mista con sub-raggruppamenti orizzontali, ciò che rileva è il possesso dei requisiti di qualificazione in percentuale non inferiore ad una soglia minima, senza che a tale soglia debba necessariamente corrispondere l’entità delle quote di partecipazione al raggruppamento, per converso rientrante nella piena disponibilità degli associati”.

Ciò significa che nei raggruppamenti di tipo orizzontale rilevano i soli requisiti di qualificazione in capo a ciascun impresa raggruppata, i quali devono rispettare una “soglia minima”. Risultano, invece, irrilevanti le quote di partecipazione al raggruppamento da parte delle singole imprese riunite.

In altri termini, le stazioni appaltanti sono tenute a verificare il solo rispetto delle predette soglie di requisiti prescritti dalla legge o dal bando, entro le quali mandanti e mandataria possono ripartirsi discrezionalmente le quote di partecipazione.

Circa le applicazioni pratiche di questo principio, il Consiglio di Stato aveva già precisato, nel precedente parere del 26 giugno 2013, n. 3014, che:

“Un’impresa mandataria, pur in possesso di una qualificazione superiore al 40 per cento dell’importo dei lavori, ben potrebbe decidere di partecipare al raggruppamento per una quota inferiore, ovvero la mandante, pur in possesso di requisiti per il 10 per cento, potrebbe legittimamente prendere parte al raggruppamento per una quota inferiore”.

In questo modo, precisano i giudici, non verrebbe comunque lesa la funzione “pro-concorrenziale” tipica dei raggruppamenti temporanei d’impresa (RTI).

E’ sufficiente, infatti, che siano garantite affidabilità e responsabilità degli operatori, attraverso la qualificazione: per il resto l’assetto interno resta libero e modulabile.

Inoltre si comunica:

Raggruppamento temporaneo (RTI, ATI)

Il raggruppamento temporaneo di imprese (RTI), anche noto con l’acronimo ATI (associazione temporanea di imprese), è l’istituto mediante il quale un’impresa, che non dispone in misura sufficiente dei requisiti tecnici e/o economici necessari per partecipare ad una determinata gara d’appalto, si associa ad altre imprese per incrementare i propri requisiti di qualificazione, in vista della partecipazione alla specifica gara.

In tal modo il RTI consente anche alle imprese di piccole dimensioni la massima partecipazione alle procedure di gara e, nel contempo, garantisce alle Amministrazioni appaltanti la selezione della migliore offerta nei confronti di una platea più numerosa di concorrenti.

Come partecipare alla gara in RTI

Il RTI, cumulando i requisiti delle singole imprese riunite, partecipa alla gara presentando un’unica offerta congiunta, con il conseguente obbligo, in caso di aggiudicazione, di eseguire congiuntamente le prestazioni oggetto dell’appalto.

Il RTI si costituisce mediante il conferimento, da parte delle imprese c.d. mandanti, di un mandato collettivo speciale con rappresentanza in capo all’impresa c.d. mandataria (o capogruppo), in virtù del quale quest’ultima diviene l’interlocutrice principale nei confronti della stazione appaltante.

Il mandato di rappresentanza  é gratuito ed irrevocabile e non dà luogo ad una organizzazione comune tra le imprese associate, in quanto ciascuna mantiene la propria autonomia gestionale e fiscale.
Il mandato viene conferito mediante atto pubblico o scrittura privata autenticata.

Il RTI può partecipare alla singola gara:

  • costituito, se il mandato è già stato conferito alla mandataria prima di partecipare alla gara; in tal caso l’offerta di gara deve essere sottoscritta dall’impresa mandataria “in nome e per conto proprio e delle mandanti”;
  • costituendo, se il mandato non è ancora stato conferito alla mandataria ma le singole imprese riunite dichiarano di impegnarsi a costituire il RTI in caso di aggiudicazione; in tal caso, poiché il mandato non risulta ancora conferito, l’offerta di gara deve essere sottoscritta da tutte le imprese riunite.

Tipi di RTI

La disciplina del RTI si distingue due tipi di raggruppamento, orizzontale e verticale.

Il raggruppamento orizzontale si configura quando:

  • per i servizi e le forniture, tutte le imprese riunite eseguono la medesima prestazione;
  • per i lavori, le imprese riunite realizzano i lavori della stessa categoria di qualificazione.

Il raggruppamento verticale si configura invece quando:

  • per i servizi e le forniture, la mandataria esegue la prestazione principale e le mandanti eseguono le prestazioni secondarie;
  • per i lavori, la mandataria realizza i lavori della categoria prevalente, mentre le mandanti realizzano i lavori delle categorie scorporabili.

E’ inoltre consentito anche il raggruppamento c.d. misto, che è un raggruppamento verticale in cui l’esecuzione delle singole categorie (per i lavori) o delle singole prestazioni (per i servizi e le forniture) viene assunta da sub-associazioni di tipo orizzontale.

Obblighi delle imprese riunite

Le singole imprese riunite, in fase di presentazione dell’offerta, sono tenute ad indicare le quote di partecipazione al RTI, avendo riguardo che vi sia perfetta corrispondenza tra quote di qualificazione, quote di partecipazione al raggruppamento e quote di esecuzione delle prestazioni, al fine di assicurare che la mandataria sia effettivamente il soggetto più qualificato in rapporto al complesso delle prestazioni oggetto dell’appalto, nonché per consentire alla stazione appaltante di effettuare i necessari controlli in sede di esecuzione del contratto.

Con la presentazione dell’offerta congiunta, le imprese riunite in RTI orizzontale assumono una responsabilità solidale nei confronti della stazione appaltante, dei subappaltatori e dei fornitori.

Per le imprese riunite in RTI verticale la responsabilità è invece limitata all’esecuzione delle prestazioni di rispettiva competenza (lavori scorporabili o, nel caso di servizi e forniture, prestazioni secondarie), ferma restando la responsabilità della mandataria per l’intero appalto.


Proponente: ARDOVINI RENZO

Risposta a quesito formulato con nota prot.n. 2721 del 25/05/2017.

Quesito:

Cosa si intende precisamente quando si richiede che l’offerta tecnica deve essere timbrata e firmata da tecnico abilitato? Che ruolo deve avere egli all’interno dell’organizzazione aziendale e nell’esecuzione poi eventuale dei lavori?

Risposta:

L’offerta tecnica, essendo un progetto “aggiuntivo rispetto all’ approvato” e composto da relazioni tecniche e da elaborati tecnici (tavole) deve essere sottoscritto da tecnico iscritto ad un “ordine /collegio” o comunque da soggetto titolato. Il tecnico che sottoscrive l’offerta tecnica congiuntamente al legale rappresentante dell’impresa (o da che ne ha titolo), non deve essere necessariamente un dipendente dell’operatore economico partecipante.


Proponente: GIANFRANCO MOLINARO srl

a quesito formulato con nota prot.n. 2733 del 26/05/2017.

Quesito:

La sottoscritta Impresa Gianfranco Molinaro srl, essendo in possesso della certificazione SOA per la categoria OG 1 IV, ed avendo inoltre l’impresa eseguito lavori nella categoria OG 11 per importo superiore a quello posto a base di gara ed in possesso del C.E.L., si chiede se per la partecipazione alla gara di cui all’oggetto l’impresa deve associarsi ad altra impresa in possesso di categoria OG 11 o può partecipare come impresa singola allegando i relativi certificati di esecuzione lavori.

Risposta:

Se l’operatore economico ha inserita nell’oggetto sociale del certificato di iscrizione presso la camera di commercio la categoria delle lavorazioni da eseguire, in questo caso rientranti nella categoria OG 11, può partecipare singolarmente in quanto l’importo delle lavorazioni è inferiore ad € 150.000,00 (pertanto non occorre l’attestazione SOA) allegando copia del certificato di iscrizione alla camera di commercio e come ulteriore referenza, i certificati di esecuzione lavori relativi alla categoria OG 11 eventualmente in possesso.


 

This entry was posted in Atti, Notizie. Bookmark the permalink.